COMMENTO DEL SEGRETARIO GENERALE DELLA FIM DI BRESCIA E DOCUMENTO UFFICIALE DI CGIL, CISL E UIL

Commento di Stefano Olivari sullo stallo istituzionale e politico e il documento con la posizione ufficiale dei Sindacati.

Ago

COMMENTO DEL SEGRETARIO GENERALE DELLA FIM DI BRESCIA E DOCUMENTO UFFICIALE DI CGIL, CISL E UIL

Il commento del segretario generale della Fim Brescia Stefano Olivari in merito all'attuale stallo istituzionale e politico che l'Italia sta vivendo in questi giorni.

Le frasi arrivano anche a seguito della posizione ufficiale comunicata ieri dai sindacati Cgil, Cisl e Uil.

"Stiamo assistendo a tatticismi partitici che non devono perdere di vista l’urgenza di risposta ai problemi strutturali italiani.

Investimenti in infrastrutture con tempi celeri, certi ed impermeabili alle infiltrazioni malavitose.

Risposte concrete alle tante crisi aziendali, semplificazione e abbattimento della fiscalità di dipendenti e pensionati e lotta all’evasione.

Continuiamo e continueremo a chiedere con ostinazione, governo dopo governo, elementi alla base di un paese civile".

 

Questo per intero il documento unitario firmato da Cgil, Cisl e Uil

Al centro il Paese e il lavoro
13 agosto 2019

Cgil, Cisl e Uil esprimono grande preoccupazione per l’attuale situazione di instabilità politica prodotta in pieno periodo feriale che, se non risolta rapidamente, può ulteriormente ridurre le condizioni per la crescita del Paese, aggravare la situazione economica e sociale di tutto il mondo del lavoro e dei pensionati, non far svolgere alcun ruolo al nostro Paese nella costruzione di una nuova Europa sociale.

È il momento della serietà, del pieno rispetto dei principi, dei valori e dei comportamenti indicati dalla nostra Carta Costituzionale, nata dalla resistenza e dalla sconfitta del fascismo e del nazismo.

La soluzione della crisi compete al Parlamento che, dopo un dibattito ampio, libero e trasparente deve votare o sfiduciare il governo, e al Presidente della Repubblica, garante della Costituzione, cui va tutta la nostra stima e il sostegno incondizionato anche nella verifica di una reale possibilità di dare un nuovo governo al Paese.
Occorre che le forze politiche parlamentari pongano al centro delle loro funzioni istituzionali gli interessi generali del Paese e del mondo del lavoro e non l’interesse particolare di breve respiro, come più volte sollecitate dallo stesso Presidente della Repubblica, assicurando in tempi utili un’indispensabile forma di governo ed un chiaro indirizzo economico e sociale. È necessario il massimo rispetto per i luoghi e i tempi dei processi democratici e per chi li rappresenta per rafforzare i legami di solidarietà, per unire e non di dividere il Paese.

Le innumerevoli vertenze aperte al Mise che riguardano centinaia di migliaia di posti di lavoro, il futuro e la qualità del nostro sistema industriale e produttivo, i problemi della pubblica amministrazione, del sistema di istruzione e conoscenza e della sanità pubblica, il divario crescente tra Nord e Sud, la paralisi dei cantieri pubblici per le necessarie infrastrutture materiali e sociali, sono temi che hanno bisogno di risposte immediate, di un Governo nel pieno delle sue funzioni e non possono più aspettare le alchimie della politica.

In questo anno Cgil, Cisl e Uil hanno messo in campo una forte iniziativa vertenziale e di mobilitazione affinché fosse chiara la necessità che queste priorità fossero rappresentate nelle misure economiche del Governo, si sono assunte la responsabilità di indicare e rivendicare soluzioni e proposte capaci di creare lavoro stabile, a partire dai giovani, per un nuovo modello di sviluppo ambientalmente sostenibile, per una nuova politica economica fondata sulla giustizia sociale in Italia ed in Europa. Su queste basi abbiamo riempito le piazze con lavoratrici, lavoratori, giovani e pensionati di tutto il Paese.

Ora, alla vigilia di un’importante legge di stabilità e di una necessaria azione ed interlocuzione positiva per contribuire a delineare nuove politiche europee che escano dalla logica dell’austerità, ribadiamo e sosteniamo la necessità che tutto ciò avvenga anche con il coinvolgimento delle parti sociali avendo come obiettivo la crescita e la creazione di lavoro stabile con diritti pieni ed esigibili.

Ciò per noi significa continuare a sostenere che l’unica strada percorribile è definire:
– Un piano straordinario di investimenti pubblici in infrastrutture, reti, manutenzione del territorio, a partire dal Mezzogiorno, con un chiaro sostegno ad una nuova economia verde e che il tutto sia scomputato dai vincoli del patto di stabilità;
– una riforma fiscale fondata sul principio della progressività che riduca le tasse al lavoro dipendente e ai pensionati;
– una vera lotta all’evasione fiscale e al lavoro nero;
– il rinnovo dei contratti nazionali pubblici e privati e il riconoscimento del loro valore erga omnes, la detassazione degli aumenti salariali e il superamento dei contratti pirata;
– riforma della pubblica amministrazione e assunzione di personale in tutti i comparti pubblici a partire dalla sanità;
– una nuova politica industriale che indirizzi i processi di innovazione, di crescita dimensionale delle imprese, garantisca il diritto permanente alla formazione e metta al centro la salute e la sicurezza sul lavoro;
– una nuova politica della cultura e del turismo asse di crescita per un paese quale l’Italia;
– una vera riforma delle pensioni che dia un futuro ai giovani, risponda ai bisogni delle donne e riconosca i lavori più disagiati.

È su questi contenuti che, secondo noi, si deve sviluppare la discussione e, per quanto ci compete, com’è nella storia del nostro Paese, siamo pronti al confronto e a sostenere queste posizioni per affermare la democrazia e la dignità del lavoro.

Condividi: