FIRMATO IL NUOVO ACCORDO ALLE ACCIAIERIE VENETE DI SAREZZO

Giu

FIRMATO IL NUOVO ACCORDO ALLE ACCIAIERIE VENETE DI SAREZZO

Siamo molto soddisfatti per la firma del nuovo accordo tra lavoratori e dirigenza alla Acciaierie Venete di Sarezzo, un contratto nel quale è stato determinante il ruolo dei lavoratori e della Fim Brescia presente con la maggioranza delle RSU.

Tra i punti principali grande attenzione a sicurezza, formazione, welfare e partecipazione, quest'ultima incrementata tramite l'innovativo strumento delle commissioni.
Qui di seguito i dettagli dell'accordo:
- Aumento economico del Premio di Risultato totalmente variabile e cottimo complessivamente di 800 euro circa. (Premio misurato su parametri di qualità, produttività ed efficienza)

- Aumento delle maggiorazioni per lavoro notturno (dal 27,5% si passa al 30%) e sabato (+10%) per lavoratori turnisti

- Incremento del numero di Rls (Rappresentanti Lavoratori Sicurezza) dagli attuali 3, previsti dalla normativa, a 4, con integrazione e aumento delle ore di permesso disponibili a svolgere attività inerenti il tema della sicurezza.

- Rafforzamento della discussione con Rsu e lavoratori nella pianificazione della formazione soggettiva prevista dal contratto nazionale Federmeccanica.

- Istituzione di cinque commissioni (qualità, sicurezza, welfare, mensa, formazione) che prevederanno il coinvolgimento dei lavoratori anche attraverso un sistema di raccolta dei suggerimenti, utili per contribuire a un miglioramento continuo nei cinque diversi ambiti. Sull’argomento sicurezza si sta inserendo anche un progetto “infortuni zero” che coinvolgerà RSU/RLS/Azienda e lavoratori mediante lo strumento delle commissioni paritetiche.

- Istituzione di una piattaforma welfare utile ai lavoratori al fine di usufruire della della possibilità di trasformare una quota del premio di risultato (in questo caso aumentata del 10%) in welfare e di poter spendere i fringe benefit previsti dal ccnl (la Fim Cisl di Brescia si renderà parte attiva per analizzare e raccogliere i fabbisogni dei lavoratori, così come fatto in tante altre aziende).

 

Condividi: